myfoglio blog

+ business – accounting

La rivalsa

Chi è passato come me dal regime dei minimi alla fatturazione ordinaria avrà notato che fatturare è assai differente. Oltre all’IVA, in fattura compare la ritenuta d’acconto e “talvolta” la rivalsa.

La rivalsa è il diritto del professionista iscritto all’albo di ottenere un 4% dal cliente a copertura parziale della contribuzione INPS; per gli iscritti alla gestione separata — una sorta di limbo per freelance — invece purtroppo il diritto non esiste, quindi è facoltà del professionista addebitarla o meno al suo cliente.

In realtà, la facoltà altro non è che una forma di contrattazione, per cui se con il cliente si è concordato un importo lordo è evidente che il professionista pagherà da sé l’intero ammontare di imposta.

Ma come si calcola la rivalsa? Ecco un esempio: supponiamo di fatturare 100 € nette al cliente; la fattura conterrà dunque:

  • Imponibile: 100 €
  • Ritenuta d’acconto su 100: 20 €
  • Rivalsa del 4% su 100: 4 €
  • IVA 22% su Imponibile+rivalsa: 22,88 €
  • Totale in fattura: 100 + 22,88 + 4 -20 = 106,88

MyFoglio è in grado di aggiungere la rivalsa automaticamente. Basta inserire la rivalsa nel profilo fiscale, creandone uno apposito per le proprie esigenze. Poiché, come detto, la rivalsa non è un obbligo per il cliente, su MyFoglio si possono creare più profili fiscali, in considerazione di ciò. Chi volesse approfondire l’argomento, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato alcune delucidazioni alla normativa.

Condividi con: Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on FacebookEmail this to someone